home / Archivio / Diritto Penale raccolta del 2021 / La configurabilità del cd. “stalking occupazionale”

indietro stampa contenuto


La configurabilità del cd. “stalking occupazionale”

Argomento: Stalking
Sezione: Sezione Semplice

(Cass. Pen., Sez. V, 05 aprile 2022, n. 12827)

Stralcio a cura di Giovanni de Bernardo

Articoli Correlati: stalking - lavoro - mobbing

“(…) Deve in primo luogo osservarsi che, come ricordato dal Procuratore generale nella sua memoria e come ammesso anche dal ricorrente nel suo atto introduttivo, questa Corte di cassazione ha già affermato che integra il delitto di atti persecutori la condotta di mobbing del datore di lavoro che ponga in essere una mirata reiterazione di plurimi atteggiamenti convergenti nell'esprimere ostilità verso il lavoratore dipendente e preordinati alla sua mortificazione ed isolamento nell'ambiente di lavoro - che ben possono essere rappresentati dall'abuso del potere disciplinare culminante in licenziamenti ritorsivi - tali da determinare un vulnus alla libera autodeterminazione della vittima, così realizzando uno degli eventi alternativi previsti dall'art. 612-bis c.p. (…). Deve comunque sottolinearsi che anche nel caso di stalking "occupazionale" per la sussistenza del delitto art. 612-bis c.p., è sufficiente il dolo generico, con la conseguenza che è richiesta la mera volontà di attuare reiterate condotte di minaccia e molestia, nella consapevolezza della loro idoneità a produrre uno degli eventi alternativamente previsti dalla norma incriminatrice, mentre non occorre che tali condotte siano dirette ad un fine specifico. Nel caso di specie, come emerge dalle sentenze di merito, il V. ha reiteratamente minacciato le persone offese di "cementarle" in un pilastro, li ha invitati a confrontarsi fisicamente con lui, li ha sottoposti a pubblici rimproveri inutilmente mortificanti e ad una serie di provvedimenti disciplinari culminati anche in un licenziamento al fine di creare terrore tra i dipendenti iscritti ad una associazione sindacale. Si tratta di comportamenti, secondo quanto accertato dai giudici del merito, voluti e reiteratamente attuati nella consapevolezza che da essi ben poteva derivare, proprio per la loro reiterazione e per le loro modalità, uno degli eventi alternativamente previsti dall'art. 612-bis c.p.. Il ricorrente sostiene che egli ha agito allo scopo di rendere più efficiente la società (omissis), controllata dal Comune di (omissis), e che le iniziative da lui assunte nei confronti dei dipendenti erano condivise dal consiglio di amministrazione della società e dal Sindaco allora in carica, l'avv. B. , ma trattasi di circostanze prive di alcun rilievo, atteso che l'efficienza della società non può essere raggiunta attraverso la [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio