home / Archivio / Diritto Penale - Raccolta del 2022


Diritto Penale pubblicato il 31/12/2023

L´ambito di applicazione dell´art. 609-bis c.p.: il discrimen tra atti di libidine e condotte ioci causa

(Tribunale di Roma, Sez. V, sentenza 06 luglio 2023) Stralcio a cura di Giovanni de Bernardo
nota di Luca Mazza Sommario Gli elementi costitutivi della fattispecie di reato di violenza sessuale ai sensi dell’art. 609-bis c.p. – 2. La pronuncia del Tribunale di Roma, Sez. V, Sentenza, 06/07/2023, Dott.ssa Maria Bonaventura   Gli elementi costitutivi della fattispecie di reato di violenza sessuale ai sensi dell’art. 609-bisp.   Il fenomeno della violenza ..

Non è abnorme il provvedimento del GUP con cui viene dichiarata la nullità del decreto che dispone il giudizio per genericità o indeterminatezza del fatto descritto nel capo di imputazione senza alcuna previa sollecitazione - rivolta al PM - ad integrare o precisare la contestazione

(Cass. Pen., Sez. III, 28 giugno 2023, n. 28037) Stralcio a cura di Lorenzo Litterio
nota di Luigi Palmieri Il quesito sottoposto al vaglio della Suprema Corte ha tratto origine dal ricorso proposto dal Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Catania che ha lamentato l’abnormità di tipo strutturale del provvedimento con cui il Tribunale (per mero errore materiale indicato nella sentenza come «GUP») ha dichiarato la nullità del decreto che ..

L´Avvocato che abbia azionato un procedimento civile per il recupero del credito professionale non risponde di estorsione, neanche in forma tentata

(Cass. Pen. Sez. II, 19 dicembre 2023, n. 50652) Stralcio a cura di Lorenzo Litterio

Il mandato d'arresto europeo (M.A.E.): quale compatibilità col diritto alla salute e alla non discriminazione tra cittadini UE e paesi terzi?

(C. Cost., 28 luglio 2023, n. 177) e (Cost., 28 luglio 2023, sentenza n. 178) Stralcio a cura di Giovanni de Bernardo 
nota di Vittorio Silvestro    Sommario: 1. Fatti di causa. – 2. Inquadramento del mandato d’arresto europeo (M.A.E.): definizione e superamento dell’istituto dell’estradizione. – 3. Le sentenze 177/2023 e 178/2023 ed il dialogo tra la Corte Costituzionale e la Corte di Giustizia dell’Unione Europea. – 4. Considerazioni conclusive.   Fatti di ..

In tema di MAE, è costituzionalmente illegittimo non prevedere che la corte d´appello possa rifiutare la consegna di una persona ricercata cittadina di uno Stato terzo, che legittimamente ed effettivamente abbia residenza o dimora nel territorio italiano da almeno cinque anni e sia sufficientemente integrata in Italia

(Cost., 28 luglio 2023, sentenza n. 178) Stralcio a cura di Giovanni de Bernardo 

L´aumento di pena per la recidiva qualificata non rileva se la stessa sia stata oggetto di contestazione suppletiva dopo la decorrenza del termine di prescrizione previsto per il reato originariamente contestato

(Cass. Pen., SS.UU., 14 dicembre 2023, n. 49935) Stralcio a cura di Lorenzo Litterio

In tema di falso ideologico va distinta l´innocuità del falso dalla sua presunta inutilità

(Cass. pen., Sez. V, 07 dicembre 2023, n. 48828) stralcio a cura di Annapia Biondi
nota di Claudia Scafuro   La sentenza impugnata e oggetto del ricorso per Cassazione si presenta come una cd. doppia conforme, in quanto la Corte di Appello di Napoli ha confermato la sentenza del Tribunale di Torre Annunziata che aveva condannato (OMISSIS) per il delitto di cui all'articolo 483 c.p. di falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico perchè, nella ..

La riforma Cartabia prevede per il reato di truffa la procedibilità d´ufficio in presenza delle circostanze ad effetto speciale di cui all´art. 649-bis c.p. diverse dalla recidiva che, se contestata, determina la procedibilità a querela del reato

(Cass. Pen., Sez. II, 13 marzo 2023, n. 10542) Stralcio a cura di Lorenzo Litterio

Il revisore non rientra tra i soggetti qualificati del reato di bancarotta fraudolenta impropria da reato societario ma può rispondere solo in veste di estraneo secondo le norme generali sul concorso

(Cass. Pen., Sez. V, 30 novembre 2023, n. 47900) Stralcio a cura di Lorenzo Litterio
nota di Stefania Barone I giudici della quinta sezione penale della Corte di Cassazione si sono pronunciati sul tema della bancarotta impropria societaria e, in particolare, per quanto rileva ai fini della presente disamina, sulla responsabilità penale dei revisori. Il giudizio di merito aveva portato alla condanna dei tre imputati per concorso nel delitto di bancarotta impropria da reato ..

Il Tribunale di Milano non solleva questione di legittimità costituzionale sulla differenza di regime della sentenza di non luogo a procedere per imputato persona fisica e persona giuridica

(Trib. Milano, Sez. GIP/GUP, ord. 15 febbraio 2023) stralcio a cura di Annapia Biondi
nota di Luca Mazza  Sommario 1.La nuova regola di giudizio in Udienza Preliminare, l’art. 61 del D.Lgs. 231/01 e i provvedimenti emessi nel processo a carico degli enti – 2. La pronuncia del Tribunale di Milano, Sez. G.I.P.-G.U.P., Ordinanza, 15/02/2023, Dott. Domenico Santoro   La nuova regola di giudizio in Udienza Preliminare, l’art. 61 del D.Lgs. 231/01 e i ..

Il “silenzio” serbato dall´agente può configurare raggiro, rilevante ai sensi dell´art.640 c.p., solo se “eloquente”

(Cass. pen., Sez. II, 16 novembre 2023, n. 46209) stralcio a cura di Annapia Biondi
nota di Martha Gunsch   Il silenzio eloquente in materia di truffa contrattuale integra la condotta del raggiro? Al quesito ha risposto la sezione II della Corte di Cassazione con sentenza n.46209/23 seguendo il criterio dell’interpretazione sistematica. La nozione di raggiro indica “quel comportamento, per lo più di natura verbale, tenuto nei confronti di un determinato ..

Trattativa Stato-Mafia: la minaccia rivolta al singolo componente del Governo configura il reato di violenza o minaccia ad un Corpo politico, amministrativo o giudiziario (art. 338 c.p.) e non la fattispecie di attentato contro organi costituzionali e contro le Assemblee regionali (art. 289 c.p.)

(Cass. Pen., Sez. VI, 10 novembre 2023, n. 45506) Stralcio a cura di Lorenzo Litterio

In tema di O.E.I., quanto acquisito all´estero dalla messaggistica criptata sulla piattaforma SKY-ECC non costituisce dato informatico utilizzabile ai sensi dell´art. 234-bis cod. proc. pen.

(Cass. Pen., Sez. VI, 2 novembre 2023, n. 44154) stralcio a cura di Annapia Biondi

In tema di lesioni stradali, il giudice deve dare conto, in modo puntuale, delle ragioni che lo inducano a scegliere la sanzione accessoria della revoca della patente in luogo di quella più favorevole della sospensione

(Cass. Pen., Sez. 4, 8 novembre 2023, n. 44916) Stralcio a cura di Antonio Picarella
nota di Claudia Scafuro   In occasione del ricorso avverso la sentenza emessa ai sensi dell’art. 444 c.p.p. dal giudice dell’udienza preliminare del Tribunale di Salerno, con la quale si condannava OMISSIS alla pena di un anno di reclusione, e veniva disposta la sanzione amministrativa della revoca della patente di guida in relazione ai reati di cui all'articolo 590 bis c.p. ..

Risponde di truffa consumata e non tentata colui che deposita un assegno sotto falso nome su apposito conto corrente, anche se viene scoperto e identificato prima del relativo incasso

(Cass. pen., Sez. II, 17 ottobre 2023, n. 42335) stralcio a cura di Annapia Biondi

La condotta susseguente al reato che rileva ai fini del mancato riconoscimento della non punibilità ex art. 131-bis c.p. è quella che incide sull'offesa, aggravandola, mentre non rilevano comportamenti successivi che si limitino a manifestare la capacità a delinquere

(Cass. Pen., Sez. VI, 31 ottobre 2023, n. 43941) Stralcio a cura di Antonio Picarella
nota di Raffaella Di Lollo   Con la sentenza in esame, la Corte di Cassazione, VI sezione penale, ha svolto importanti considerazioni sulle novità apportate dalla Riforma Cartabia, all’istituto della non punibilità per particolare tenuità del fatto ex art. 131 bis c.p.. L’art. 1 co. 1 lett. c) n. 2 d.lgs. 150/2022 è intervenuto sull’art. 131 bis c.p. ..

Risponde di produzione di materiale pedopornografico chi riprende con il cellulare una spiaggia di nudisti, indugiando, senza altro giustificabile motivo, sulle parti intime dei minori ivi presenti

(Cass. Pen., Sez. III, 10 luglio 2023, n. 29817)Stralcio a cura di Fabio Coppola 
nota di Luigi Martini  La Terza Sezione della Suprema Corte di Cassazione, con la sentenza n. 29817 del 10 luglio 2023, ha avuto l’occasione di pronunciarsi in merito al delitto di pornografia minorile previsto dall’art. 600 ter c.p. In particolare, il ricorrente veniva condannato nei primi due gradi di giudizio per produzione e detenzione di materiale pedopornografico, poiché, ..

È costituzionalmente illegittimo il divieto di prevalenza delle attenuanti sull´aggravante dei rapporti familiari ex art. 577 co.3 cod. pen.

(C. Cost., 30 ottobre 2023, n. 197) stralcio a cura di Annapia Biondi 

La sanzione accessoria della revoca della patente per guida in stato di ebbrezza con tasso alcolemico superiore a 1,5 g/L non è sproporzionata e va sempre applicata in caso di incidente stradale

(C. Cost., 27 ottobre 2023, n. 194) stralcio a cura di Annapia Biondi 

Seppure decorso il termine previsto dalla Riforma Cartabia per la presentazione della querela da parte della persona offesa, il P.M., prima della declaratoria di improcedibilità per difetto di querela, ha il potere-dovere di modificare il capo di imputazione contestando una circostanza aggravante che renda di fatto il reato procedibile di ufficio

(Cass. Pen., Sez. Fer., 24 ottobre 2023, n. 43255) Stralcio a cura di Lorenzo Litterio

Caso “Regeni”: si procede in assenza dell´imputato nel caso in cui l´assenza sia dovuta alla mancata assistenza giudiziaria o cooperazione dello Stato di appartenenza o di residenza dell´imputato, fatto salvo il suo diritto a un nuovo processo in presenza

(C. Cost., 26 ottobre 2023, n. 192) Stralcio a cura di Fabio Coppola 
nota di nota di Veronica Romano La sentenza in epigrafe segna il punto di svolta di una vicenda che, tanto per la inaudita gravità dei fatti contestati quanto per i lunghi anni di stasi processuale, ha tenuto l’opinione pubblica con il fiato sospeso. In essa, la Consulta è stata chiamata ad operare il bilanciamento “tra il diritto fondamentale dell’imputato a presenziare ..

L´esecuzione del MAE emesso nei confronti di un cittadino italiano o di persona legittimamente ed effettivamente dimorante in via continuativa da almeno cinque anni sul territorio italiano è subordinata alla condizione che la persona sia rinviata nello Stato italiano per scontarvi la pena o la misura di sicurezza privative della libertà personale eventualmente applicate nei suoi confronti nello Stato membro di emissione

(Cass. Pen., Sez. VI, 24 ottobre 2023, n. 43252) Stralcio a cura di Lorenzo Litterio

Ex Millantato credito ‘pretestuoso´ tra continuità normativa con il traffico di influenze illecite e la truffa: i due orientamenti alla base del contrasto rimesso alle Sezioni Unite

(Cass. Pen., Sez. II,  19 luglio 2023, n.31478) Stralcio a cura di Fabio Coppola 

Non sussiste il reato di molestie perpetrato su piattaforme di messaggistica virtuale istantanea quando il destinatario può disattivare la ricezione delle notifiche del mittente

(Cass. Pen., Sez. I, 3 ottobre 2023, n. 40033) stralcio a cura di Annapia Biondi
nota di Luigi Martini   Con la pronuncia in commento, la Suprema Corte di Cassazione annullava senza rinvio la sentenza emessa dalla Corte di Appello di Caltanissetta, che aveva condannato l’imputato alla pena di mesi 2 di arresto, per il reato previsto dall’art. 660 c.p., per aver inviato una serie di messaggi molesti, tramite le piattaforme social Facebook e Instagram, alle persone ..

Turbativa d´asta: nel concetto di “gara” non possono rientrare i concorsi per l'accesso ad impieghi pubblici o le connesse procedure di mobilità del personale tra diverse amministrazioni

(Cass. Pen., Sez. VI, 16 giugno 2023, n. 26225) Stralcio a cura di Fabio Coppola  

Risponde di concussione il privato che, d´accordo con il pubblico ufficiale, rivolga minacce concussive nei confronti della vittima, purché quest´ultima sia consapevole che l´utilità sia richiesta e voluta dal pubblico ufficiale

(Cass. Pen., Sez. VI, 28 aprile 2023, n. 17918) Stralcio a cura di Fabio Coppola 
nota di Giuseppe Rignanese    Nel caso in esame, la Corte d’Appello di Napoli ha confermato la sentenza di condanna emessa in primo grado dal tribunale, che aveva inflitto all’imputato cinque anni e quattro mesi di reclusione, per concussione di cui all’art. 317 c.p.   La difesa propone ricorso per Cassazione, affidando le censure difensive a tre motivi. Violazione di ..

Le Sezioni Unite in merito al reato di furto: il fine di profitto può consistere anche in un fine di natura non patrimoniale

(Cass. Pen., SS. UU., 12 ottobre 2023, n. 41570) Stralcio a cura di Giovanni de Bernardo
nota di Andrea Tigrino IN DIRITTO:   Con ordinanza del 18 novembre 2022, la Sezione V penale rimetteva il ricorso alle Sezioni Unite, rilevando un persistente contrasto tra orientamenti contrapposti in ordine alla nozione di “profitto” recata dalla fattispecie incriminatrice.  Le Sezioni Unite procedevano così a un confronto tra due orientamenti di legittimità: 1) ..

La condotta di stalking può essere indirizzata a terzi legati alla vittima da un rapporto di vicinanza, ove l´agente agisca nella convinzione che la vittima ne venga informata

(Cass. Pen., V Sez., 9 ottobre 2023, n. 441006)  Stralcio a cura di Fabio Coppola
nota di Federico Maria Schettino La Corte di legittimità, con la sentenza n. 41006/2023, è tornata a pronunciarsi sul reato di stalking.                                           ..

Il reato di violazione degli obblighi di assistenza familiare si configura con la formale e definitiva attribuzione dello status di genitore in quanto è da questo momento che sorge l´obbligo di procurare i mezzi di sussistenza al figlio minore

(Cass. Pen., Sez. VI, 5 ottobre 2023, n. 40698) Stralcio a cura di Lorenzo Litterio

L´estorsione commessa con minaccia “silente” da affiliato ad associazione di stampo mafioso integra l´aggravante di cui all´art. 628 co.3 n.3 c.p. in ragione della provenienza qualificata della condotta intimidatoria

(Cass. Pen., Sez. I, 2 ottobre 2023, n. 39836) stralcio a cura di Annapia Biondi

Le Sezioni Unite: Il nuovo art. 573, comma 1-bis c.p.p. si applica alle impugnazioni per i soli interessi civili proposte relativamente ai giudizi nei quali la costituzione di parte civile è intervenuta in epoca successiva al 30 dicembre 2022

(Cass. Pen., SS.UU., 21settembre 2023, n. 38481) Stralcio a cura di Giovanni de Bernardo 
nota di Luigi Palmieri Il quesito sottoposto al vaglio delle Sezioni Unite ha tratto origine dal ricorso proposto dinanzi alla S.C. dal difensore della parte civile che ha lamentato la decisione assunta dalla Corte di Appello in ordine alla compensazione parziale delle spese relative all’azione civile. Ed in particolare, a seguito della riscontrata assenza degli elementi costitutivi del delitto ..

L´interazione virtuale con gruppi online di ispirazione ideologica neonazista, anche attraverso “like” e rilancio di “post”, configura il delitto di cui all´art. 604-bis co.2 c.p.

(Cass. Pen., Sez. I, 20 settembre 2023, n. 38423) stralcio a cura di Annapia Biondi 
nota di nota di Veronica Romano La sentenza in epigrafe si inserisce nel solco di una giurisprudenza - quella relativa ai reati di istigazione e propaganda per motivi di discriminazione razziale, etnica o religiosa - ad alto tasso di problematicità teorica. Invero, nell’odierna “società del rischio”, l’insidiosità di siffatte condotte é accentuata dal ..

Le gare pubbliche cui fa riferimento il reato di turbata libertà degli incanti e i concorsi per il reclutamento dei professori universitari non sono assimilabili a causa del chiaro dettato normativo e della diversità strutturale delle offerte

Cass. Pen., Sez. VI, 25 luglio 2023, n. 32319 Stralcio a cura di Lorenzo Litterio

Risponde di violenza privata il giornalista di inchiesta che assuma un atteggiamento insistente nei confronti dell´intervistato coartandone la libertà

(Cass. Pen., Sez. V, 31 agosto 2023, n. 36407) stralcio a cura di Annapia Biondi 
nota di Andrea Tigrino IN FATTO:   Con sentenza del 31 gennaio 2021, poi confermata nel merito dalla Corte di Appello di Milano con decisione del 22 febbraio 2022, il Tribunale di Milano aveva ritenuto l'imputato responsabile del delitto di violenza privata (art. 610 c.p.), condannandolo alla pena di € 15.000 di multa e al risarcimento dei danni nei confronti della costituita parte ..

Falso in autocertificazione Covid-19: sussiste il delitto di falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico non rilevando ad escluderlo il principio del nemo tenetur se detegere che opera esclusivamente nell´ambito di un procedimento penale già attivato e non nella fase precedente relativa alla commissione di un reato

(Cass. Pen., Sez. V, 21 agosto 2023, n. 35276)   Stralcio a cura di Lorenzo Litterio

L´uso improprio del c.d. “bonus carta del docente” integra il reato di indebita percezione di erogazioni pubbliche (art. 316-ter cod. pen.)

(Cass. Pen., Sez. VI, 14 luglio 2023, n. 30770) stralcio a cura di Annapia Biondi 
nota di Alessia Brunetti   Con la sentenza sopra richiamata, la Corte di Cassazione si è espressa sulla configurabilità del reato di indebita percezione di erogazioni pubbliche, in caso di uso improprio del bonus noto come “Carta del docente” (nel prosieguo, Carta). Per meglio contestualizzare quanto si dirà, è opportuno premettere brevemente che la Carta ..

In materia di falsità ideologica o materiale, la previsione dell´art. 491-bis c.p. riguarda l´ipotesi in cui il sistema informatico sia supportato da riscontro cartaceo e quella in cui sia del tutto sostitutivo dello stesso

(Cass. Pen., Sez. V, 28 luglio 2023, n. 33285) Stralcio a cura di Lorenzo Litterio

Configura il reato di detenzione o accesso a materiale pedopornografico la partecipazione consapevole ad una chat di gruppo dalla denominazione inequivoca e la condivisione con altri utenti dei relativi file di chiara natura pedopornografica indipendentemente da eventuali operazioni di salvataggio (download) di detto materiale su dispositivi informatici

(Cass. Pen., Sez. III, 04 settembre 2023, n. 36572) Stralcio a cura di Lorenzo Litterio
nota di Giulia Nespolo La questione prospettata dalla sentenza della Corte di Cassazione, Sezione III Penale, 4 settembre 2023, n. 36572, richiede l’analisi del reato di detenzione o accesso a materiale pornografico previsto dall’art. 600- quater, commi 1 e 3, c. p. Ai fini di una corretta analisi della sentenza in commento, appare opportuno procedere ad una breve disamina sulla ..

L´amministratore della società fallita che preleva dalle casse sociali il suo compenso in assenza di delibera assembleare commette bancarotta preferenziale (e non fraudolenta per distrazione) se la somma riscossa risulti dovuta e congrua rispetto all´attività svolta

(Cass. Pen., Sez. V, 31 agosto 2023, n. 36416) stralcio a cura di Annapia Biondi 
nota di Ernesto Di Tommaso   “2.5 A tal riguardo va qui richiamato e condiviso l’orientamento sostenuto – oltre che da autorevole dottrina, che richiama il dato della effettività del credito e della congruità delle somme percepite, perché sia integrata la bancarotta preferenziale – anche da Sez. 5, n. 21570 del 16/04/2010, Di Carlo, Rv. 247964 – ..

Caso Renzi: la Procura non poteva acquisire senza l´autorizzazione del Senato «messaggi di posta elettronica e whatsapp del parlamentare, o a lui diretti, conservati in dispositivi elettronici appartenenti a terzi»

(Corte Cost., 27 luglio 2023, n. 170) Stralcio a cura di Giovanni de Bernardo 
nota di Matteo Milanesi  La sentenza in commento[1] – nata dal conflitto di attribuzioni promosso dal Senato della Repubblica nei confronti della Procura presso il Tribunale di Firenze, con riferimento al noto sequestro di corrispondenza riguardante il Sen. Renzi – muove da due interrogativi essenziali, entrambi relativi al campo d’applicazione della guarentigia di cui ..

Integra il delitto di frode nell´esercizio del commercio l´apposizione di un Bollo CE di un altro produttore in quanto la fattispecie in questione non tutela soltanto il compratore ma, salvaguardando i principi di onestà e lealtà che devono presiedere allo scambio dei beni, anche il produttore

(Cass. Pen., Sez. III., 31 luglio 2023, n. 33418) Stralcio a cura di Lorenzo Litterio

Il riconoscimento della recidiva reiterata non implica (necessariamente) la previa dichiarazione di recidiva semplice in una precedente sentenza di condanna

(Cass. Pen., SS. UU., 25 luglio 2023, n. 32318) stralcio a cura di Giulio Baffa
nota di Valeria Ferro Quella affrontata dalle Sezioni Unite della Cassazione con la sentenza in commento rappresenta una delle questioni di più evidente complessità interpretativa concernenti l’istituto della recidiva, vale a dire il rapporto tra la recidiva reiterata e il pregresso accertamento di altra ipotesi di recidiva. La vicenda concreta da cui trae origine la questione ..

Non si configura il reato di dichiarazione fraudolenta mediante l'utilizzo di fatture per operazioni inesistenti nei confronti degli amministratori della società qualora ciascuno di essi sia titolare di poteri di amministrazione disgiunta

(Cass. Pen., Sez. III, 18 luglio 2023, n. 31017) Stralcio a cura di Lorenzo Litterio
nota di Matteo Santamaria La sentenza in commento affronta lo spinoso tema della responsabilità penale dei componenti del Consiglio di Amministrazione di una società di capitali senza specifiche deleghe in merito alla presentazione delle dichiarazioni dei redditi. Più nello specifico, la questione giuridica sottoposta alla Suprema Corte era quella di individuare se ed eventualmente ..

È costituzionalmente illegittimo l´art. 69 co.4 cod. pen. nella parte in cui preclude di riconoscere in capo al recidivo reiterato la prevalenza dell´attenuante del danno di lieve entità

(Corte Cost., 12 luglio 2023, n. 141) stralcio a cura di Annapia Biondi 
nota di Cristina Monteleone   La sentenza in commento trae spunto dalla questione di legittimità costituzionale sollevata dal GIP di Grosseto. Quest’ultimo, in particolare, era investito del giudizio abbreviato richiesto da un soggetto imputato del delitto previsto e punito dall’art. 628 co. 1 c.p. per avere costretto due dipendenti di un supermercato a consegnargli la somma di ..

Commette riciclaggio colui che rende disponibile il proprio conto corrente agli autori del reato presupposto di frode informatica per farvi convergere il denaro da questi ricavato

(Cass. Pen., Sez. II, 6 luglio 2023, n. 29346) stralcio a cura di Annapia Biondi 
nota di Andrea Castaldo   La sentenza della Corte di Cassazione oggetto di commento delinea la sussistenza del reato di riciclaggio ai sensi dell’art. 648 bis cod. pen. in riferimento a coloro i quali hanno trasferito denaro proveniente da delitto non colposo, quale la frode informatica, e hanno compiuto altre operazioni finanziarie tali da ostacolare l’identificazione della ..

Nel caso di estradizione passiva verso la Repubblica Popolare Cinese sussiste il rischio concreto di tortura

(Cass. Pen., Sez. VI, 17 maggio 2023, n. 21125) stralcio a cura di Giulio Baffa 

La responsabilità penale in tema di circolazione stradale non si esaurisce nella verifica del nesso eziologico ma presuppone l´accertamento della c.d. causalità della colpa

(Cass. Pen., Sez. IV, 19 giugno 2023, n. 26290) stralcio a cura di Annapia Biondi 
nota di Gabriele Monforte   Con la recente pronuncia n. 26920 del 2023, la Corte di Cassazione è stata nuovamente chiamata a precisare, in materia di reati commessi con violazione delle norme sulla circolazione stradale, che la responsabilità penale per omicidio colposo del conducente non si esaurisce nella verifica del nesso eziologico tra la sua condotta e l’evento morte ..

Maltrattamenti: se il reato abituale si perfeziona sotto la vigenza di una legge più favorevole e si reitera “un segmento insignificante di abitualità” dopo l´entrata in vigore della modifica peggiorativa della fattispecie, si applica la pregressa norma più favorevole

(Cass. Pen., Sez. VI, 28 giugno 2023, n. 28218) stralcio a cura di Fabio Coppola 
nota di Giulio Baffa  Con la sentenza che qui si annota, la Corte di Cassazione è tornata a confrontarsi con questioni relative alla successione di leggi penali nel tempo e ai reati cc.dd. di durata e, in particolare, questa volta, ai reati cc.dd. abituali. Più nel dettaglio, nel caso di specie, il ricorrente invocava la violazione di legge penale in quanto i giudici di merito ..

Anche l´espressione di uso comune per il contesto nel quale è proferita può risultare intrinsecamente offensiva e integrare il delitto di oltraggio a pubblico ufficiale

(Cass. Pen., Sez. V, 26 giugno 2023, n. 27548) stralcio a cura di Annapia Biondi 
nota di Marco Piliero   La sentenza sopra richiamata muove dal caso di un soggetto condannato per i reati di oltraggio a pubblico ufficiale e false dichiarazioni sulla identità o su qualità proprie o di altro, rispettivamente previsti dagli articoli 341-bis e 496 del codice penale, per aver offeso l’onore ed il decoro di due appartenenti alla Polizia di Stato, intervenuti per ..

Violazione dell'obbligo di astensione nei concorsi pubblici: sussiste l'abuso d'ufficio (almeno per ora) ma non la turbata libertà degli incanti

(Cass. Pen., Sez. VI, 16 giugno 2023, n. 26225) Stralcio a cura di Giovanni de Bernardo 
nota di   Letizia Barbero Nell’ordinanza in commento la Suprema Corte è stata chiamata a pronunciarsi sul ricorso presentato da un Segretario Comunale, per il tramite del proprio difensore, avverso la sentenza emessa dalla Corte di Appello di Milano che, in parziale riforma della pronuncia del Giudice di prime cure ha confermato la condanna dell’imputato per il reato ..

Per la configurabilità del delitto di peculato occorre un concreto atto di dominio uti dominus sul bene, e non il mero omesso versamento di quanto dovuto

(Cass. Pen., Sez. VI, 15 giugno 2023, n. 25844) stralcio a cura di Annapia Biondi 

Guida senza patente: l´ipotesi aggravata dalla recidiva nel biennio costituisce un´autonoma fattispecie di reato e si configura con l´accertamento in via definitiva della precedente violazione amministrativa

(Cass. Pen., Sez. IV, 15 giugno 2023, n. 25824) Stralcio a cura di Lorenzo Litterio
nota di Rocco Neri La vicenda riguarda la sentenza in data 23.9.2022 della Corte d'appello che ha confermato la sentenza con cui il Tribunale in data 20.4.2021, all'esito di dibattimento instaurato a seguito di opposizione a decreto penale di condanna, aveva ritenuto l’imputato responsabile del reato di cui al D.Lgs. n. 30 aprile 1992 n. 285, art. 116, commi 15 e 17, e, riconosciute le circostanze ..

È costituzionalmente illegittimo l´art. 629 c.p., per difetto di ragionevolezza e proporzionalità della pena, nella parte in cui non prevede un trattamento sanzionatorio più mite quando il fatto risulti di lieve entità

(C. Cost., 15 giugno 2023, n. 120) stralcio a cura di Annapia Biondi 
nota di Marco Misiti   Con la sentenza ora in esame[1], il giudice delle leggi ha dichiarato la contrarietà a Costituzione dell’art. 629 c.p. nella parte in cui non prevede una circostanza attenuante per i casi di estorsione di lieve entità. Tale sentenza rappresenta un’evidente dimostrazione del consolidamento nel nostro sistema del principio di proporzionalità ..

Il Giudice non è obbligato ad attivare i programmi di giustizia riparativa previsti dalla Riforma Cartabia né ad avvisare l´imputato della possibilità di accedervi potendo esercitare in tal senso un potere essenzialmente discrezionale in relazione alla tipologia del reato, ai rapporti tra l´autore e la persona offesa e all´idoneità del percorso riparativo rispetto al fatto

(Cass. Pen., Sez. VI, 13 giugno 2023, n. 25367) Stralcio a cura di Lorenzo Litterio

L´oscurità della norma è censurabile per irragionevolezza non solo in caso di materia penale, ma in tutte le disposizioni che regolano la generalità dei rapporti tra pubblica amministrazione e cittadini

(C. Cost., 5 giugno 2023, n. 110)   Stralcio a cura di Fabio Coppola 
nota di Chiara Mattei La Corte Costituzionale con sentenza n.110 del 5 giugno 2023 ha stabilito che ogni norma “radicalmente oscura” viola per ciò stesso il canone di ragionevolezza sancito dall’articolo 3 della Costituzione, quale principio generale dell’ordinamento. Il giudice delle leggi ha accolto il ricorso con cui la Presidenza del Consiglio dei Ministri ..

La causa di estinzione del reato per condotte riparatorie ha natura soggettiva e, di conseguenza, non si estende ai correi

(Cass. Pen., Sez. II, 31 marzo 2023, n. 20210) Stralcio a cura di Giulio Baffa
nota di Valeria Ferro  Con la sentenza in commento la seconda sezione della Cassazione ha chiarito che la causa di estinzione del reato di cui all’art. 162-ter c.p. ha una natura soggettiva e, di conseguenza, non si estende al concorrente che non ha contribuito alla riparazione del danno. La vicenda concreta da cui trae origine la questione riguardava due soggetti imputati per aver commesso, ..

Non può beneficiare della “particolare tenuità del fatto” il correo che abbia concorso in una lesione di entità non minimale al bene tutelato, pur avendo apportato un contributo minimo alla realizzazione del reato

(Cass. Pen., Sez. III, 18 maggio 2023, n. 21183) stralcio a cura di Annapia Biondi 
nota di Simone Rizzuto   Con la sentenza n. 21183, resa all’esito dell’udienza del 10 gennaio 2023 e depositata in Cancelleria il 18 maggio 2023, la Terza Sezione penale della suprema Corte di cassazione è intervenuta in merito alla impossibilità di applicare la causa di esclusione della punibilità per la particolare tenuità del fatto (art. 131-bis c.p.) ..

Il diritto al silenzio dell´indagato o dell´imputato, costituzionalmente garantito dall´art. 24 Cost., si estende anche alle circostanze di cui all´art. 21 disp. att. c.p.p.

(C. Cost., 5 giugno 2023, n. 111) Stralcio a cura di Giulio Baffa
nota di Riccardo Di Stefano  Con sentenza n. 111 del 2023, la Corte costituzionale ha dichiarato la parziale illegittimità costituzionale dell’art. 64 comma 3 c.p.p., «nella parte in cui non prevede che gli avvertimenti ivi indicati siano rivolti alla persona sottoposta alle indagini o all’imputato prima che vengano loro richieste le informazioni di cui all’art. ..

Il PG è legittimato a impugnare le sentenze di primo grado a seguito dell´acquiescenza del PM, purché acquisisca tempestivamente notizie dal PM in merito all'impugnazione della sentenza ai sensi dell´art. 166-bis disp.att. c.p.p.

(Cass. Pen., SS.UU., 22 maggio 2023, n. 21716) Stralcio a cura di Ilaria Romano

La volontà di punizione da parte della persona offesa, necessaria - per effetto della Riforma Cartabia - nel reato di disturbo delle occupazioni e del riposo delle persone, può essere riconosciuta dal Giudice anche in atti che non contengono la sua esplicita manifestazione, tra cui la costituzione di parte civile

(Cass. Pen., Sez. III, 11 maggio 2023, n. 19971) Stralcio a cura di Lorenzo Litterio

Violenza sessuale: per l´integrazione del reato è sufficiente il mancato consenso, non occorrendo anche la manifestazione di dissenso

(Cass. Pen., Sez. III, 10 maggio 2023, n. 19599) Stralcio a cura di Ilaria Romano

Il peculato mediante indebito utilizzo dei fondi per il funzionamento dei gruppi consiliari non sussiste nel caso in cui il singolo consigliere regionale sia privo della disponibilità diretta del denaro, configurandosi diversamente quale indebita percezione di erogazioni pubbliche (art. 316-ter c.p.) il conseguimento del rimborso delle spese di rappresentanza sostenute sulla base di specifiche istanze corredate da documentazione inadeguata ed approfittando di controlli blandi

(Cass. Pen., Sez. VI, 16 marzo 2023, n. 11341)   Stralcio a cura di Lorenzo Litterio

È proponibile il ricorso per cassazione a seguito di concordato in appello per l´omessa dichiarazione di estinzione del reato per prescrizione

(Cass. Pen., SS.UU., 8 maggio 2023, n. 19415) Stralcio a cura di Giovanni de Bernardo
nota di Marco Misiti Con la sentenza in esame le Sezioni Unite hanno affermato un importante e innovativo principio di diritto, secondo cui è consentito proporre ricorso per cassazione avverso la pronuncia di appello che ha accolto il concordato ex art. 599-bisc.p.p. qualora si voglia far valere la prescrizione maturata in primo grado. Il giudice di legittimità ha colto l’occasione, ..

Qualunque forma di violenza fisica o psicologica a scopi educativi esula dal perimetro applicativo dell´abuso dei mezzi di correzione o di disciplina (art. 571 c.p.) e può integrare il più grave reato di maltrattamenti contro familiari o conviventi (art. 572 c.p.)

(Cass. Pen., Sez. VI, 27 aprile 2023, n. 17558) Stralcio a cura di Fabio Coppola 
nota di Angela Micheletti  Con la pronuncia in commento, la Corte di cassazione ha annullato per violazione di legge la sentenza del Tribunale di Ravenna, rinviando alla Corte di appello di Bologna per un nuovo giudizio. Nello specifico, la Corte ha ritenuto che il Tribunale avesse erroneamente riqualificato l’originaria imputazione di “Maltrattamenti contro familiari e ..

In tema di lesioni gravissime, lo sfregio permanente è costituito dal nocumento, corroborato dalle valutazioni del perito, comportante un'apprezzabile alterazione delle linee del volto che incide sulla funzione estetico-fisiognomica dello stesso

(Cass. Pen., Sez. V, 05 maggio 2023, n. 18894) Stralcio a cura di Lorenzo Litterio
nota di Giuseppe Rignanese Nel caso in esame, i Giudici della Corte di Appello di Cagliari hanno confermato la pronuncia emessa in primo grado contro l’imputato, che era stato dichiarato colpevole del reato previsto agli artt. 582-583 c.p. Viene proposto ricorso per Cassazione, fondando la critica difensiva sul motivo della violazione di legge e vizio di motivazione. La difesa lamentava che la ..

Bancarotta impropria: il dolo deve avere ad oggetto non solo il “fatto” societario, ma anche la volontà del dissesto

(Cass. Pen., Sez. V, 3 maggio 2023, n. 18473) Stralcio a cura di Ilaria Romano
nota di Antonio Verderosa  Con la sentenza n. 18473 del 3 maggio 2023 la Quinta Sezione penale della Corte di Cassazione ribadisce gli elementi necessari a integrare il reato di bancarotta impropria da reato societario, soffermandosi in particolar modo sull’elemento psicologico richiesto dalla fattispecie incriminatrice. La decisione origina dal ricorso per cassazione proposto dagli ..

Ai fini dell´applicazione della causa di non punibilità per particolare tenuità del fatto come novellata dalla Riforma Cartabia, assume rilevanza anche la condotta post-delictum inserendosi nel complessivo giudizio sulla misura dell´offesa

(Cass. Pen., Sez. III, 02 maggio 2023, n. 18029)   Stralcio a cura di Lorenzo Litterio

Integra il delitto di cui all'art. 483 c.p. la falsa dichiarazione di trasferimento della propria dimora abituale resa ai fini della iscrizione anagrafica per mutamento della residenza

(Cass. Pen., Sez. III,  27 aprile 2023, n. 17419) Stralcio a cura di Giovanni de Bernardo 

La riformulazione del reato di abusiva attività finanziaria, per effetto dell´abrogazione tacita della normativa che inaspriva la risposta sanzionatoria rispetto all´originaria fattispecie, non prevede il raddoppio delle pene previste

(Cass. Pen., SS.UU., 27 aprile 2023, n. 17615) Stralcio a cura di Lorenzo Litterio

Non può desumersi dalla nomina del difensore di fiducia la conoscenza della lingua italiana dell´imputato che abbia richiesto più volte la nomina di un interprete per l´esercizio effettivo delle garanzie del “giusto processo”

(Cass. Pen., Sez. II, 26 aprile 2023, n. 17327)   Stralcio a cura di Lorenzo Litterio

L´irretroattività della riduzione di un sesto della pena per la mancata impugnazione

(Cass. Pen., Sez. I, 14 aprile 2023, n. 16054) Stralcio a cura di Giovanni de Bernardo
nota di Riccardo Di Stefano   Con la pronuncia in commento, la prima sezione penale della Corte di Cassazione ha chiarito il regime intertemporale del nuovo comma 2-bis dell’art. 442 c.p.p., introdotto per effetto dell’art. 24, lett. c), d.lgs. n. 150 del 2022, escludendo la sua applicabilità retroattiva sia nell’ambito dei procedimenti pendenti in fase di impugnazione, ..

Il dolo dell'amministratore formale nella bancarotta fraudolenta documentale c.d. generica: tra l'abdicazione agli obblighi di vigilanza e la significativa possibilità dell'alterazione fraudolenta delle scritture contabili

(Cass. Pen., Sez. V, 21 aprile 2023, n. 17165)   Stralcio a cura di Lorenzo Litterio
nota di Maria Chiara Mastrantonio Con la sentenza che qui si annota, la Suprema Corte di Cassazione è tornata a confrontarsi sull’elemento soggettivo richiesto per l’integrazione della fattispecie di bancarotta fraudolenta documentale c.d. generica in capo all’amministratore di diritto. Come noto, l’art. 216, comma I, n. 2, R.D. 267/1942, a fronte di un’apparente ..

Ostacolo all'esercizio delle funzioni delle autorità pubbliche di vigilanza: definiti i rapporti tra le fattispecie di cui ai commi 1 e 2 dell´art. 2638 c.c.

(Cass. Pen., Sez. V, 7 marzo 2023, n. 9623) Stralcio a cura di Fabio Coppola 
nota di Matteo Santamaria  Con la sentenza in commento la V sezione penale della Suprema Corte di Cassazione ha analizzato il reato di ostacolo all’esercizio delle funzioni delle autorità pubbliche di vigilanza ex art. 2638 c.c., delineando i requisiti e le differenze intercorrenti tra la fattispecie prevista dal comma 1 e quella prevista dal comma 2. L’art. 2638 c.c. contiene ..

Desidera un figlio maschio per rispettare la tradizione: per la Suprema Corte nessuna motivazione culturale può giustificare violenza sessuale e maltrattamenti in famiglia

(Cass. Pen., Sez. III, 3 aprile 2023, n. 13786) Stralcio a cura di Ilaria Romano
nota di Michele Emanuele Leo  Con la sentenza n. 13786 del 03.04.2023, la Suprema Corte di Cassazione sancisce un importante principio di diritto, essendo chiamata a pronunciarsi su una statuizione della Corte di appello di Napoli che confermava una decisione del 23 giugno 2021 del Tribunale di Nola con cui veniva condannato un imputato di origine straniera “per le pene di legge per i reati ..

Corruzione di minorenne: il reato si configura anche se l´agente compie atti sessuali condivisi in tempo reale mediante mezzi telematici in quanto non è richiesta necessariamente la presenza fisica del minore

(Cass. Pen., Sez. III, 12 aprile 2023, n. 15261)   Stralcio a cura di Lorenzo Litterio
nota di Angela Micheletti Con la pronuncia in commento, la Corte di cassazione ha rigettato il ricorso presentato avverso l’ordinanza del Tribunale di Bari con la quale era stato respinto l’appello cautelare proposto contro l’ordinanza di diniego della richiesta di revoca della misura cautelare degli arresti domiciliari, applicata con ordinanza del giudice per le indagini ..

Al condannato ammesso alla liberazione condizionale si applica la libertà vigilata non quale misura di sicurezza, ma come misura alternativa alla detenzione per favorirne la risocializzazione

(C. Cost., 11 aprile 2023, n. 66) Stralcio a cura di Ilaria Romano
nota di Annamaria Muraglia    La sentenza della Corte Costituzionale in commento consente di interrogarsi sulla natura giuridica della libertà vigilata e sulla ratio legis alla base della sua concessione al condannato ammesso alla misura alternativa alla detenzione della liberazione condizionale. La pronuncia interviene all’esito di un giudizio di legittimità ..

Il paziente si dimette dal P.S.: riconosciuta la penale responsabilità del medico nonostante il consenso informato

(Cass. Pen., Sez. IV, 24 gennaio 2023, n. 2850) Stralcio a cura di Ilaria Romano

E´ legittimato il Procuratore Generale ad impugnare, con ricorso per cassazione, l´ordinanza che ammette l´imputato alla messa alla prova

(Cass. Pen., SS.UU., 6 aprile 2023, n. 14840) Stralcio a cura di Giovanni de Bernardo

Caso Cospito: ritenuto ancora appartenente alla perdurante e operativa compagine associativa FAI

(Cass.Pen., Sez. I, 24 febbraio 2023, n. 13258) Stralcio a cura di Giovanni de Bernardo

Legge “Spazzacorrotti”: il potere discrezionale del giudice del patteggiamento nell´applicazione delle pene accessorie si estende anche al patteggiamento c.d. allargato

(Cass. Pen., Sez. VI, 4 aprile 2023, n. 14238) Stralcio a cura di Giulio Baffa

Cannabis: quando la coltivazione è penalmente rilevante e quando no?

(Cass. Pen., Sez. VI, 21 marzo 2023, n. 11901) Stralcio a cura di Giovanni de Bernardo 
nota di Jessica Bianchin  La pronuncia trae origine dalla Sentenza della Cassazione Penale, Sezione VI, del 21 marzo 2023 n. 11901, che si è trovata a risolvere il quesito se è possibile distinguere tra coltivazione di cannabis penalmente rilevante e non, in base ad una valutazione in merito alla produttività della stessa. I fatti oggetto della pronuncia riguardavano la ..

Se l´autoriciclaggio coincide con la sola condotta distrattiva della bancarotta fraudolenta sarà punibile solo il reato fallimentare presupposto

(Cass. Pen., Sez. II, 30 marzo 2023, n. 13352) Stralcio a cura di Fabio Coppola 
nota di Rocco Neri La vicenda riguarda la detrazione di fondi di una società inizialmente in fase di liquidazione che in seguito viene dichiarata fallita. Il GIP di Roma emette ordinanza di rigetto del sequestro per equivalente, (a seguito della relativa richiesta dal PM), di somme costituenti il profitto per l’autoriciclaggio. Il PM ricorre al Tribunale del Riesame che conferma ..

La fattispecie di trattamento illecito di dati (art. 167 Codice della privacy) si rivolge non soltanto ai soggetti qualificati al trattamento dei dati, ma a chiunque diffonda indebitamente il dato personale, ancorchè acquisito in maniera casuale

(Cass. Pen., Sez. III, 29 marzo 2023, n. 13102) Stralcio a cura di Fabio Coppola 
nota di Nota di Stefania Barone La Suprema Corte di Cassazione, con la sentenza del 14 marzo 2023 n. 13102, si è pronunciata sulla sussistenza della responsabilità penale dell’agente, soggetto privato non qualificato, che diffonde dati personali senza il consenso dell’interessato. Nel caso di specie, l’imputata era entrata in possesso di informazioni sensibili ..

Mancata esecuzione di un provvedimento del giudice: non si configura quando vi sia un solo rifiuto di far vedere la figlia al padre

(Cass. Pen., Sez. VI, 14 marzo 2023, n. 10905) Stralcio a cura di Ilaria Romano
nota di Laura Ruzza La recente sentenza della VI Sezione Penale della Corte di Cassazione ha offerto indubbiamente alcune significative precisazioni sulla fattispecie incriminatrice di mancata esecuzione dolosa di un provvedimento del giudice con riferimento alla "elusione" dei provvedimenti civili relativi all'affidamento dei minori ed alla conseguente disciplina del diritto di visita in favore del ..

Italia condannata per condizioni inumane e degradanti, illecita detenzione ed espulsione collettiva degli immigrati trattenuti nell´hotspot di Lampedusa (ENG)

(Corte EDU, 30 marzo 2023, J.A. and Others v. Italy: comunicato stampa) Stralcio a cura di Fabio Coppola
nota di Noel Libera   “Molti italiani vorrebbero dare ai profughi in arrivo un calcio dritto nel sedere: un centro di prima accoglienza”. È con questa celebre frase di un noto scrittore italiano, ormai nota ai più, che si manifesta il forte disprezzo e la parziale ritrosia italiana verso il migrante. Ed invero troppo spesso ci si dimentica della storia, quella nella ..

Integra il reato di esercizio abusivo di una professione il compimento di condotte attuate con modalità tali che per continuità, onerosità ed organizzazione creano le oggettive apparenze di un´attività professionale svolta da un soggetto regolarmente abilitato

(Cass. Pen., Sez. VI, 01 marzo 2023, n. 8956) Stralcio a cura di Lorenzo Litterio
nota di Giuseppe Pansa La Sesta Sezione penale della Corte di Cassazione, con la sentenza n. 8956, datata 8 novembre 2022 e depositata in Cancelleria il 1° marzo 2023, ha offerto un rilevante contributo giuridico inerente alla vexata quaestio in tema di esercizio abusivo della professione di giornalista ex art.348 cod. pen. Nel corso del giudizio di merito, la Corte di Appello sostanzialmente ..

Non è sproporzionata la pena minima di 1 anno di reclusione per il delitto di istigazione a delinquere stante l´astratta applicabilità dell´art. 131-bis c.p.

(C. Cost., 30 marzo 2023, ord. n. 56) Stralcio a cura di Fabio Coppola 

Commette il reato di maltrattamenti in famiglia il marito che imponga alla moglie uno stile di vita particolarmente avaro causandole uno stato di ansia e frustrazione

(Cass. Pen., Sez. VI, 17 febbraio 2023, n. 6937)   Stralcio a cura di Lorenzo Litterio
nota di Simone Rizzuto La Sesta Sezione penale della suprema Corte di cassazione, con la sentenza n. 6937, datata 20 ottobre 2022 e depositata in Cancelleria il 19 febbraio 2023, ha avuto modo di tracciare un interessante percorso motivazionale con riguardo a una peculiare ipotesi di maltrattamenti in famiglia. Nel corso del giudizio di merito, la Corte di appello di Bologna condannava l’imputato ..

Confisca per equivalente: la natura sostanziale ne impedisce l´applicazione retroattiva

(Cass. Pen., SS.UU., 31 gennaio 2023, n. 4145) Stralcio a cura di Ilaria Romano
nota di Giulio Baffa  Con la sentenza a Sezioni Unite n. 4145 del 31 gennaio 2023, la Corte di cassazione penale ha affrontato, in relazione alle ipotesi di confisca per equivalente, la questione sulla natura processuale ovvero sostanziale della disposizione di cui all’art. 578-bis c.p.p., rubricato “Decisione sulla confisca in casi particolari nel caso di estinzione del reato per ..

Sospensione della pena subordinata al risarcimento del danno: non può mai avere contenuto generico o indeterminato

(Cass. Pen., Sez. IV, 13 marzo 2023, n. 10398) Stralcio a cura di Ilaria Romano

La contraffazione non grossolana della patente di guida rilasciata da uno Stato extracomunitario costituisce falso anche se il documento non è valido per la circolazione in Italia

(Cass. Pen., SS.UU., 22 marzo 2023, n. 12064) Stralcio a cura di Lorenzo Litterio
nota di Rosaria Fiorentino Nella vicenda giudiziaria in esame, l'imputato di origine marocchina, era stato condannato per il reato di cui agli artt.. 477e 482 c.p “per aver formato o fatto formare una falsa patente di guida apparentemente rilasciata dalla competente autorità del Marocco sulla quale era stata applicata la sua fotografia”. La Corte territoriale aveva respinto le ..

In materia edilizia la sospensione del procedimento con messa alla prova è subordinata all´eliminazione delle conseguenze dannose o pericolose derivanti dal reato

(Cass. Pen., Sez. III, 01 marzo 2023, n. 8750) Stralcio a cura di Lorenzo Litterio

Non solo la proprietà: nel delitto di furto, come nella truffa, il bene giuridico tutelato è anche il possesso

Stralcio a cura di Giovanni de Bernardo  (Cass. Pen., Sez. V, 17 marzo 2023, n. 11478/23)
nota di Federico Maria Schettino  La pronuncia n. 11478 del 2023 della Corte di Cassazione esamina il bene giuridico tutelato dalle norme che puniscono il furto (art. 624 c.p.) e la truffa (art. 640 c.p.). Sono entrambi reati contro il patrimonio: il primo consiste nella sottrazione a chi detiene “ … qualsiasi entità di cui sia possibile la fisica detenzione, sottrazione, ..

Omicidio stradale: attenuazione della pena se le vittime erano senza cintura

Stralcio a cura di Giovanni de Bernardo  (Cass. pen., Sez. IV, Sent., 07 marzo 2023, n. 9464)
nota di Giorgia Fucito    Con la pronuncia in commento, la Corte di Cassazione, nell’annullare con rinvio la sentenza impugnata in relazione all’omessa concessione della circostanza attenuante di cui all’art. 589bis, co. 7, c.p., coglie l’occasione per puntualizzarne ulteriormente il relativo ambito applicativo. Più nel dettaglio, l’imputato era stato ..

Falsa testimonianza: non può sussistere esclusivamente sulla base del contrasto tra le dichiarazioni rese in dibattimento e quelle rese nel corso delle indagini preliminari

(Cass. Pen., Sez. VI, 2 marzo 2023, n. 9059) Stralcio a cura di Fabio Coppola 
nota di Aurora Di Mattea  Con tale recente arresto, la Cassazione ritorna sul reato di falsa testimonianza e sulla rilevanza delle contestazioni ex art. 500 c.p.p. ai fini di accertare la falsa deposizione.   La contestazione  prendeva le mosse da una testimonianza resa in dibattimento ed in particolare consistita nell’avere il teste, nel corso dell’esame, affermato il ..

Inutilizzabilità delle intercettazioni: il regime non si applica a quelle disposte prima del 31 agosto 2020

(Cass. Pen., Sez. VI, 8 marzo 2023, n. 9846) Stralcio a cura di Ilaria Romano

L´esito positivo della messa alla prova determina la restituzione dei beni sequestrati all´avente diritto

(Cass. Pen., Sez. VI, 08 marzo 2023, n. 9850) Stralcio a cura di Lorenzo Litterio

Furto di energia elettrica: resta procedibile d´ufficio anche dopo la Riforma Cartabia

(Cass. Pen., Sez. IV, 07 marzo 2023, n. 9452) Stralcio a cura di Lorenzo Litterio
nota di Rossella Marchese Il reato di furto di energia elettrica destinata a servizio pubblico costituisce l’oggetto della sentenza pronunciata dalla Corte di cassazione n. 9452/2023. Con il presente arresto la Suprema Corte ha rigettato il ricorso dell’imputato ritenuto responsabile “con doppia conforme”  del delitto di furto di energia elettrica, con l’aggravante di ..

Malversazione ai danni dello Stato: è integrata solo quando l´interesse pubblico risulti irreversibilmente compromesso

(Cass. Pen., Sez. VI, 17 febbraio 2023, n. 6955) Stralcio a cura di Ilaria Romano
nota di Rossella Marchese Con la sentenza 6955/2023, la Suprema Corte si è occupata del reato di malversazione ai danni dello Stato sancito dall’art. 316-bis c.p. Nel caso di specie, l’impresa era accusata di aver distratto larga parte di un ingente finanziamento di 2.000.000,00 di dollari, erogato da una società a partecipazione pubblica, allo specifico fine di realizzare i ..

Concordato in appello post riforma ‘Cartabia´: la disciplina di favore non si applica ai processi già definiti in appello alla data del 30 dicembre 2022

(Cass. Pen., Sez. VI, 3 marzo 2023, n. 9188) Stralcio a cura di Fabio Coppola 

Detenuto per reati ostativi non collaborante e benefici penitenziari: la presunzione di pericolosità è relativa

(C. Cost., 24 febbraio 2023, n. 31) Stralcio a cura di Fabio Coppola 
nota di Francesco Martin Con ordinanza del 16 febbraio 2022 (r.o. n. 62 del 2022), il Magistrato di sorveglianza di Avellino aveva sollevato, in riferimento agli artt. 3 e 27, comma 3, Cost., questioni di legittimità costituzionale dell'art. 4-bis, comma 1, L 26 luglio 1975, n. 354 nella parte in cui non prevede che possa essere concessa la semilibertà, nella specifica ipotesi surrogatoria ..

Sulla “pena illegale” del reato circostanziato (anche ai fini del ricorso per Cassazione avverso la sentenza di patteggiamento)

(Cass. Pen., Sez. Un., 12 gennaio 2023, n. 877) Stralcio a cura di Fabio Coppola 
nota di Rosaria Fiorentino Il patteggiamento, rectius applicazione della pena su richiesta delle parti, rappresenta un procedimento speciale e la cui disciplina si rinviene dagli artt. 444 e ss. Esso si presenta come un rito deflattivo e premiale,in cui le parti imputato e pubblico ministero concordano la pena da scontare. Tuttavia per perfezionarsi è necessario l'intervento del giudice che deve ..

Reddito di Cittadinanza: non è innocua la falsa dichiarazione relativa alla composizione familiare pur in presenza delle condizioni personali per ottenere il sussidio

(Cass. Pen., Sez. III, 08 febbraio 2023, n. 5440)  Stralcio a cura di Fabio Coppola
nota di nota di Raffaele Vitolo Con la Sentenza n. 5440 del 8 febbraio 2023 la terza Sezione della Suprema Corte in tema di delitti contro la fede pubblica afferma che il reato di cui all’art. 7 comma 1, d.l. 28 gennaio 2019, n. 4 si configura anche nel caso in cui le false indicazioni o le omissioni di informazioni dovute consentano di conseguire un beneficio di importo maggiore di quello ..

Autoriciclaggio sempre punibile se le condotte di “godimento personale” compromettono l´economia legale

(Cass. Pen., Sez. II, 3 febbraio 2023, n. 4855) Stralcio a cura di Fabio Coppola
nota di Maria Chiara Mastrantonio Con la sentenza in commento, la Suprema Corte di Cassazione ha inteso nuovamente precisare il perimetro applicativo della clausola di non punibilità prevista al comma quinto dell’art. 648 ter 1 c.p. Il caso portato all’attenzione degli Ermellini riguardava una sentenza emessa dalla Corte d’Appello di Milano a carico di tre soggetti condannati ..

Il carattere diffamatorio di una pubblicazione va parametrato rispetto al lettore medio e non a quello “frettoloso”

(Cass. Pen., Sez. V, 10 gennaio 2023, n. 503) Stralcio a cura di Fabio Coppola
nota di Roberto Landi    La pronuncia de qua si innesta sulla vexata questio della diffamazione a mezzo stampa: segnatamente, la Suprema Corte ribadisce l’arresto in forza del quale “deve escludersi il carattere diffamatorio di una pubblicazione quando essa sia incapace di ledere o mettere in pericolo l’altrui reputazione per la percezione che ne possa avere il lettore ..